Se siete come la maggior parte delle persone, probabilmente non pensate molto alla privacy online.Non avete niente da nascondere, vero?

Navigazione privata, navigazione privata, modalità di navigazione in incognito: ha molti nomi, ma è la stessa funzionalità di base in tutti i browser. La navigazione privata offre più privacy, ma non è un proiettile d’argento che ti rende completamente anonimo online.

La modalità di navigazione privata cambia il modo in cui si comporta il tuo browser, indipendentemente dal fatto che tu stia utilizzando Mozilla Firefox, Google Chrome, Internet Explorer, Apple Safari, Opera o qualsiasi altro browser, ma non cambia il modo in cui si comporta.

I grandi giganti della tecnologia, le società di pubblicità online e gli intermediari di dati utilizzano un sacco di trucchi per rintracciarti sul Web. Questi includono cose come cookie, posizione e registrazione del dispositivo, impronte digitali e persino pulsanti di condivisione, l’ultimo dei quali rende molto facile per aziende come Facebook e Google vedere cosa fai online, anche su siti Web di terze parti.

Ovviamente, gli utenti di oggi non sono ciechi a gran parte di questo monitoraggio. E la maggior parte delle persone che ne sono consapevoli adotterà misure (in qualche modo prevedibili) per fare ciò che pensano nasconderà la propria attività online alle aziende tecnologiche.

Una delle tecniche più comuni che la gente pensa possa aiutare a nascondere la propria attività è l’uso di una modalità di “navigazione in incognito” in un browser. Si apre una finestra di navigazione sicura in cui i cookie di terze parti vengono bloccati e la cronologia di navigazione viene sospesa.

Cosa fanno normalmente i browser

browserQuando navighi normalmente, il tuo browser web memorizza i dati sulla tua cronologia di navigazione. Quando si visita un sito Web, il browser registra la visita nella cronologia del browser, salva i cookie dal sito Web e memorizza i dati del modulo che possono essere completati automaticamente in un secondo momento.

Salva anche altre informazioni, come la cronologia dei file scaricati, le password che hai scelto di salvare, le ricerche che hai inserito nella barra degli indirizzi del browser e parti di pagine web per accelerare i tempi di caricamento delle pagine in futuro (noto anche come cache).

Ecco come funziona:

Gli utenti utilizzeranno un browser per tutti i siti Web a cui devono accedere. Questo browser è quello da cui accedono ai loro social media, banche e siti di shopping.

Il grosso problema qui è che gli utenti non useranno mai questo browser per cercare sul Web o navigare in Internet a caso. Questo browser viene utilizzato solo per i siti con segnalibri a cui è necessario accedere. Chiamiamolo browser “account”.

Gli utenti utilizzeranno quindi un secondo browser per tutte le ricerche sul Web e la navigazione casuale. Su questo browser, un utente non accederà mai a nessun sito web, mai. Non useranno mai questo browser per identificarsi personalmente in alcun modo, punto. Lo chiameremo il tuo browser “quotidiano”.

Suddividendo la tua attività web tra due browser, otterrai la massima privacy e anonimato possibili senza sacrificare la comodità o la facilità d’uso dei siti web a cui devi accedere.

Questo perché la maggior parte del tuo utilizzo del web verrà effettuato nel tuo browser “quotidiano”, che, non accedendo mai a nessun sito web, renderà estremamente difficile per le aziende di dati identificarti e tenere traccia delle tue attività, specialmente se ti adatti alla tua “quotidianità” “.” Browser con alcune estensioni per la privacy hardcore.

Puoi fare di tutto con le tue impostazioni sulla privacy sul tuo “browser di tutti i giorni”: blocca tutti i cookie, script e tracker e usalo sempre in modalità di navigazione in incognito. Questo perché non accederai a nessun sito che richiede l’abilitazione di cookie o script per funzionare.

Qualcuno con accesso al tuo computer e browser potrebbe trovare queste informazioni in un secondo momento, magari digitando qualcosa nella barra degli indirizzi e nel browser web che suggerisce un sito web che hai visitato. Ovviamente potrebbero anche aprire la cronologia di navigazione e visualizzare gli elenchi di pagine che hai visitato.

Potresti essere in grado di disabilitare parte di questa raccolta di dati nel tuo browser, ma è così che funzionano le impostazioni predefinite.

privacy security
privacy security

Quindi perché dovreste preoccuparvi di nascondere le vostre tracce online?Il fatto è che se si usa la navigazione normale, come Chrome o Safari, e si fa la maggior parte delle ricerche attraverso un motore di ricerca non privato come Google o Bing.

I siti web di fornitori terzi e di altre entità sconosciute possono monitorare i tuoi movimenti.

Secondo uno studio  sui primi 1 milione di siti web, il web è pieno di localizzatori di terzi.Le pagine informative, con una media di 40 tracker in background, sono tra i peggiori criminali.

I più comuni tracker, oltre a Facebook e Twitter, sono di proprietà di Google e delle sue controllate, ma molti sono anche gestiti da società o in paesi del Europa.

Anche se accedi alle impostazioni Chrome e abiliti la funzione “Non seguire“, si tratta solo di richieste di navigazione facoltative. Si è scoperto che le grandi società tecnologiche come Google, Facebook e Twitter non soddisfano le richieste di “non-tracciamento”.

Complessivamente, un’azienda tecnologica onnipresente come Google può analizzare la vostra intera impronta in rete per creare un quadro estremamente preciso di voi stessi e di voi come privati cittadini.

Google e Facebook usano questi dati per vendere pubblicità, anche se gli hacker potrebbero usarli per scopi più inquietanti. Ok, ora potreste pensare che sia il momento di rendere le mie attività online più private. Il primo e il più semplice sarebbe passare al browser che normalmente usate per convertirlo in “incognito”.

Per esempio, se si usa il cromo, clicca in alto a destra sui tre punti e seleziona Nuova finestra per l’incognito. Il piccolo simbolo di cappello e occhiali e uno schermo scuro vengono visualizzati per rimuovere un semplice clic sull’icona e selezionare “Esci dall’incognito”. Altri browser hanno proprietà o nomi simili.

Usare la modalità browser Incognito significa che le informazioni come la cronologia del browser o i cookie scaricati non sono memorizzati automaticamente sul dispositivo.

Tuttavia, la vostra società può ancora essere visibile per l’organizzazione che fornisce la connessione a Internet, ad esempio a un’università o a una società.
Vi sono tuttavia molti altri dati che possono essere collegati a queste ricerche.

Se usi Google Mail, Google può registrare tutti i tipi di informazioni sugli acquisti online e sui programmi di viaggio in arrivo e collegarli alle ricerche.

E se usate anche Google Chrome Browser, pensate alle incredibili quantità di dati che possono essere estratti dalla cronologia del browser.

Per non parlare del fatto che state usando anche Google Maps e altri prodotti Google.
Ok, forse non volete rintracciare le vostre attività online, quindi dovreste guardare un browser come Tor.

Il sito dello Stargate dice, Gate ti protegge accedendo alle comunicazioni attraverso una rete distribuita di relay gestiti da volontari in tutto il mondo.

Impedisce a chi controlla la vostra connessione a Internet di scoprire quali siti Internet frequentate e impedisce ai siti di visitarli di visitarli per scoprire la vostra ubicazione fisica.

Tor collabora con molte delle applicazioni esistenti, tra cui i browser web, i client di messaggistica istantanea, l’accesso remoto e altre applicazioni basate sul protocollo TCP.

BrowsersInvece di aggiungere un’estensione a un browser esistente, scarica il browser Tor.

Avverti che Flash, Realplayer e altri Add-Ons sono bloccati.

È anche importante sapere quali script possono essere eseguiti e cancellare tutto alla fine di ogni sessione di sessione Internet, compresi i cookie lasciati da altri siti Web e i browser riprodotti nell’app.

Ho scoperto che questo browser, per la crittografia aggiuntiva, lavora più lentamente di altri, “ma per quanto riguarda l’invisibilità del web, è il migliore.

Può anche aiutarvi a connettervi a Internet nei paesi in cui Internet è bloccato o censurato.”

Tra gli altri browser anonimi c’è Epic, che ha accesso a una VPN gratuita e coraggiosa. In ogni caso, scaricare un browser invece di utilizzare uno esistente come Chrome, Firefox o Safari.

Non aggiungere ai segnalibri alcun sito a cui è necessario accedere e non accedere mai a tali siti su questo browser. Ricorda che hai il tuo browser “account” per questo.

Vai nelle preferenze e nella scheda Generale fai clic su “Rendi predefinito” per impostare il browser predefinito. In questo modo, puoi assicurarti che tutti i link su cui fai clic in un’e-mail aprano il browser “di tutti i giorni” per impostazione predefinita.

Sempre nelle preferenze, fai clic su “Privacy e sicurezza”. In “Blocco dei contenuti” scegli “rigoroso”. Ciò bloccherà i tracker noti e tutti i cookie di terze parti.

In “Cronologia”, seleziona la casella “Usa sempre la modalità di navigazione privata”. Questa è la versione della modalità di navigazione in incognito. Abilitando questo, la tua cronologia web non verrà mai salvata (e quindi non sarà mai possibile accedervi da un sito web che visiti).

Successivamente, dovrai scaricare tre estensioni. Il primo è uBlock Origin. Questa estensione bloccherà i tracker di annunci e il malware più intrusivi.

web browser
web browser

Ora installa l’estensione HTTPS Everywhere. Questa estensione è realizzata dalla Electronic Frontier Foundation e obbliga il tuo browser a richiedere e utilizzare la versione crittografata dei siti web, il che significa che è più difficile per il tuo ISP monitorare ciò che fai su quei siti.

Infine, scarica l’estensione Cookie AutoDelete. Questo cancellerà automaticamente tutti i cookie, di prima o di terza parte, che sono stati scaricati durante l’ultima sessione di navigazione.

Ciò garantisce che ogni volta che inizi una sessione di navigazione, non rimangano cookie dell’ultima sessione, il che rende quasi impossibile per i siti tracciarti tra le sessioni di navigazione.

Una volta fatto questo, il tuo browser “quotidiano” è ora configurato. D’ora in poi, tutto ciò che devi fare è ricordarti di mantenere la tua attività online suddivisa tra questi due browser.

Se devi accedere a un sito, è il tuo browser “account” a cui vuoi andare. Se vuoi solo cercare o navigare sul Web in relativa privacy, avvia semplicemente il tuo browser “quotidiano”.

Ricorda che la compartimentazione del browser non è un metodo di privacy perfetto. Tuttavia, utilizzando la suddivisione in compartimenti del browser, renderai molto più difficile per le più grandi aziende tecnologiche e broker di dati identificare le tue attività online e tracciarti sul Web.

Minacce sul tuo computer

La navigazione privata impedisce al tuo browser web di memorizzare i dati su di te, ma non impedisce ad altre applicazioni sul tuo computer di monitorare la tua navigazione. Se sul computer è in esecuzione un key logger per lo spyware, l’applicazione potrebbe monitorare la tua attività di navigazione.

Alcuni computer potrebbero anche avere uno speciale software di monitoraggio che tiene traccia della navigazione web visualizzata su essi: la navigazione privata non ti proteggerà dalle applicazioni di controllo parentale che acquisiscono schermate della tua navigazione web o monitorano i siti web a cui accedi.

Monitoraggio della rete

private browser all

La navigazione privata interessa solo il tuo computer. Il browser Web può decidere di non memorizzare la cronologia delle attività di navigazione sul computer, ma non può dire ad altri computer, server e router di dimenticare la cronologia di navigazione.

Ad esempio, quando visiti un sito web, il traffico lascia il tuo computer e viaggia attraverso diversi altri sistemi per raggiungere il server del sito web.

Se ti trovi su una rete aziendale o educativa, questo traffico passa attraverso un router sulla rete: il tuo datore di lavoro o la tua scuola possono registrare l’accesso al sito web qui.

Anche se sei sulla tua rete domestica, la richiesta passa attraverso il tuo provider di servizi Internet: il tuo provider di servizi Internet può registrare il traffico in questo punto. La richiesta raggiunge quindi il server del sito Web stesso, dove il server può registrare il tuo accesso.

La navigazione privata non interrompe nessuna di queste registrazioni. Non lascia alcuna cronologia in giro sul tuo computer affinché le persone possano vederla, ma la tua cronologia può sempre essere – e di solito è – registrato altrove.

Previous articleProduzione musicale scegliere il computer giusto
Next articlePeriferiche del computer