HomeINFORMATICACome proteggere il PC da virus e hacker

Come proteggere il PC da virus e hacker

La funzione Data Hjiacking Protection negli orologi Qihoo 360 Total Security per il comportamento dei ransomware.

Tuttavia, anziché terminare i processi sospetti, impedisce semplicemente loro di accedere ai file in posizioni protette specifiche come la cartella Documenti.

In fase di test, non ho potuto spingerlo in azione.

Il rilevamento specifico di Ransomware in G Data Antivirus, d’altra parte, ha fatto il suo lavoro in modo visibile.

Quando ho spento il normale antivirus in tempo reale e rilasciato alcuni campioni ransomware, li ho colti in flagrante.

Quick Heal Internet Security afferma inoltre di rilevare il ransomware dal suo comportamento, ma dal momento che non offre alcun modo per disabilitare la protezione antivirus senza disabilitare anche la protezione ransomware, non ho potuto testarlo.

Prevenire l’accesso non autorizzato

Se un nuovissimo programma ransomware supera Bitdefender Antivirus Plus, non sarà in grado di fare molti danni.

Bitdefender blocca i tentativi di qualsiasi programma non autorizzato di modificare, eliminare o creare file in una cartella protetta.

E l’elenco delle cartelle protette include documenti, desktop, immagini, musica e video, oltre a cartelle sui servizi di sincronizzazione dei file come OneDrive, Dropbox, Box e Google Drive. Di recente Avast ha aggiunto una funzionalità molto simile a Avast Internet Security e Avast Premier.

SecurityWatch

Nell’antivirus di Trend Micro, la funzione Protezione cartella protegge i file in Documenti e immagini, nelle cartelle locali che rappresentano l’archiviazione online e nelle unità USB.

RansomBuster gratuito e indipendente protegge solo due cartelle selezionate e le relative sottocartelle.

Nessun programma non autorizzato può cancellare o modificare file nella zona protetta, sebbene sia consentita la creazione di file. Inoltre, la compagnia offre una hotline per il ransomware disponibile a tutti, anche ai non clienti.

Nella pagina della hotline è possibile trovare strumenti per sconfiggere alcuni screen locker ransomware e decodificare alcuni file crittografati da ransomware.

Panda Internet Security, insieme a tutti gli altri prodotti della suite Panda, offre una funzionalità chiamata Data Shield.

Per impostazione predefinita, Data Shield protegge la cartella Documenti (e le relative sottocartelle) per ciascun account utente di Windows.

Protegge tipi di file specifici inclusi documenti di Microsoft Office, immagini, file audio e video.

Se necessario, è possibile aggiungere più cartelle e tipi di file. E Panda protegge da tutti gli accessi non autorizzati, persino leggendo i dati di un file protetto, quindi evita anche i trojan che rubano i dati.

Testare questo tipo di difesa è abbastanza facile.

Ho scritto un editor di testo molto semplice, garantito per non essere inserito nella whitelist dalla protezione ransomware.

Ho tentato di accedere e modificare i file protetti.

E in quasi tutti i casi ho verificato che la difesa ha funzionato.

L’eccezione era Qihoo 360, che blocca solo l’accesso ai programmi che ritengono sospetti.

Il modo più sicuro per sopravvivere a un attacco ransomware è di mantenere un backup sicuro e aggiornato di tutti i tuoi file essenziali.

Oltre a eseguire il backup dei file, Acronis True Image lavora attivamente per rilevare e prevenire attacchi ransomware.

Prevedo che vedremo funzionalità simili in altri strumenti di backup.

Finestra principale della protezione di Acronis Ransomware

Acronis Ransomware Protection può ripristinare i file danneggiati dal ransomware da una cache locale.

Come il suo fratello maggiore True Image, offre il backup online come un’altra opzione per il recupero, ma solo 5 GB di spazio di archiviazione.

CryptoDrop Anti-Ransomware conserva copie dei tuoi file sensibili in una cartella sicura che non è visibile a nessun altro processo.

Come notato, quando Trend Micro rileva un processo sospetto che crittografa un file, esegue il backup del file.

Se vede una raffica di attività di crittografia sospette, mette in quarantena il processo e ripristina i file di backup. ZoneAlarm tiene traccia anche di attività sospette e ripara qualsiasi danno causato da processi che si rivelano essere ransomware.

Oltre al rilevamento del malware basato sul comportamento, Quick Heal mantiene anche un backup silenzioso e crittografato dei file di documento.

Tuttavia, il ripristino di tali file non è automatico. Una volta che ti sei sbarazzato del ransomware, devi contattare il supporto tecnico per ottenere assistenza per il recupero.

Ransomware 
Perché hai bisogno
Rate This Article:
error: Content is protected !!